Filastrocca del dopo Natale

Per Natale nasce il bambino Gesù, ma i giorni seguenti, fino all’arrivo dei re magi, che mette fine alla storia della Natività, cosa succede nel presepe? Ecco cosa dice un’antica canzoncina popolare, composta forse proprio da qualche donna del popolo, e che perciò non si cura della cometa o degli angeli, bensì di Maria che come ogni donna deve lavare le fasce del neonato, allattarlo e trastullarlo. Della vita e del lavoro di ogni mamma in quelle situazioni insomma. Può sembrare insignificante, ma nella sua semplicità e scorrevolezza riesce a trasmettere un’atmosfera di pace ed è vera poesia.

Presepio popolano

Maria lavava,
Giuseppe stendeva,
il bimbo piangeva,
voleva poppare.

- Non piangere figlio,
che adesso ti piglio,
e il latte ti dò:
ché altro non ho.

La neve sui monti
cadeva dal cielo,
Maria col suo velo
copriva Gesù.
Pubblicità
Categorie Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close