APRILE, DOLCE DORMIRE…

“Aprile dolce dormire e forte sospirare; i granai son vuoti e la botte comincia a suonare

“Sono aprile e porto il sonno, al nipote, al babbo e al nonno”

Secondo la tradizione popolare aprile è associato al sonno per via dei primi dolci tepori che ci infiacchiscono e ci fanno appisolare. Ma non è stato sempre così. Il nome di aprile pare derivare da Afrodite, la dea greca corrispondente alla Venere dei Romani, e anche se così non fosse, alla dea dell’Amore e della fertilità era dedicato quel mese di pieno risveglio della vita. Altri quindi erano i languori e le attività nel letto.

Ma, a parte il fatto che nella tradizione cristiana “Bacco, tabacco e Venere, riducono l’uomo in cenere”, soprattutto poi, quei raffinati giochi amorosi in un tripudio di fiori, che risplendono per esempio nei quadri e affreschi del Rinascimento, non erano pane per i denti del contadino, tutto preso a sbarcare il lunario: per lui l’andamento della stagione veniva prima di tutto, una grandinata era una questione di vita o di morte, voleva dire fame e carestia.

Per questo tutti i proverbi sono incentrati sul tempo e sul raccolto: “Acqua d’aprile, ogni goccia vale mille lire”;  “Quando tuona d’aprile, è buon segno per il barile”; “Freddo e umido d’aprile, empie lo staio e il barile”;  “Se per San Marco (il 25) gocciola lo spino, sarà abbondanza di grano e vino”.    

E da quel che si dice , il tempo meteorologico, pare non cambiare molto rispetto a marzo:                                                                                                                                      “Aprile, non ti scoprire”;  “Quando aprile mette il muso, fuoco acceso e uscio chiuso”; “aprile, quando piange e quando ride”;  “aprile, apriletto, un dì freddo, un dì caldetto”      Ma rallegriamoci perché:                                                                                                                     “Un aprile troppo bello, offre a maggio il suo mantello”;  “Quando aprile tuona e piove, porta sempre buone nuove”                                                                                               E per chi come me, uomo o donna che sia, è un po’ avanti negli anni, porta anche qualche beneficio:                                                                                                                                 “Aprile, esce la vecchia nel cortile”.                                                                                   E in fin dei conti: ”Pioggia di primavera, non è cattivo tempo, e al calare della sera, s’accende  il firmamento”.

Categorie Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close